Qualche spiegazione sulla riforma della giustizia

La giustizia spiegata a chi non la segue. Cenni sulla Riforma. Angelino Alfano, Ministro della Giustizia, sale al Quirinale. Presenta i tratti fondamentali della riforma della Giustizia al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Napolitano, che pure ha memoria lunga, e che sa di politica italiana, frequentandone il Parlamento quasi senza pause dal 1953 ad oggi, ha vissuto gli orrori del ventennio fascista e patito le umiliazioni più recenti della loggia P2. In effetti, il “piano di rinascita democratica”, fra i suoi numerosi punti che una volta raggiunti avrebbero portato ad un nuovo ordine, prevedeva di intervenire anche sul sistema giustizia.

La Magistratura, potere periodicamente esaltato ed attualmente inviso agli dei, ricopre un ruolo irrinunciabile nello scacchiere comprendente i poteri esecutivi, legislativi, e, per l’appunto, giudiziari.

I c.d. “operatori del diritto”, in particolare i magistrati, previa vittoria di un concorso pubblico, ricoprono due funzioni: – la funzione Giudicante (da cui, il Giudice), o – la funzione Inquirente (rivestita dal Pubblico Ministero). I magistrati stessi, ricoprenti la funzione giudicante sia quella inquirente, sono sottoposti a provvedimenti disciplinari per il loro operato.

L’organo che prende i suddetti provvedimenti è il Consiglio Superiore della Magistratura, ai sensi dell’articolo 105 della Costituzione. Un magistrato, quando sbaglia, paga. E a volte paga molto salato. Più di quanto potrebbe mai scontare con una sanzione pecuniaria. Il C.S.M. è l’organo di autogoverno della Magistratura. E’ presieduto dal Presidente della Repubblica. Gli altri membri, per un totale di ventisette, sono per un terzo eletti dal Parlamento, per i restanti due terzi sono eletti dai magistrati in seduta comune con professori universitari in materie giuridiche e avvocati esercitanti la professione da almeno quindici anni.

Questo perché viviamo in uno stato di diritto, onde per cui è necessaria una magistratura indipendente, soggetta solo alla legge (articolo 101 comma 2 della Costituzione, spesso evocata anche da chi la calpesta) e non condizionabile dal potere politico.

Eccoci dunque ad oggi: la Riforma prevede la separazione delle funzioni dei magistrati.

Chi sceglie di fare il giudice non può né potrà passare a fare il pubblico ministero. E viceversa.
Separazione già tentata con la Legge Castelli del 2005 poi accantonata dalla Legge Mastella del 2007 che ripristina lo status quo ante bellum. Ora ci riprovano, accompagnando la separazione delle carriere ad uno scisma del C.S.M.; uno per ciascuna funzione. Sorvoliamo sul fatto che la dipendenza della funzione inquirente dal Parlamento era uno dei punti cardine del programma di un gruppo di soggetti che voleva sovvertire l’ordine costituito. Chiamiamola curiosa coincidenza.

Con questa riforma si crea un corpo scelto, direttamente collegato al potere politico. Si ha un’inequivocabile rottura del principio di separazione dei poteri. Ve li ricordate gli agenti della Gestapo, la Stasi? Bé, in nome della libertà di qualcuno anche noi “studiamo” per avere una giustizia ed una polizia analoghe (viene meno anche quanto ora stabilito dall’art. 109 Cost: la disponibilità della polizia da parte dell’autorità giudiziaria, poiché la polizia farà capo al Ministro dell’ Interno, un soggetto Politico, non giudiziario). La Marcia continua.

11/03/2011

Da Sardegna Democratica.

Similar posts

#Note 6 (del 5/5/2015) Ho rinnovato la carta d’identità. Siparietto con l’impiegato, che ho provato a persuadere perché riscrivesse esattamente gli stessi dati che avevo. Niente affatto: l’ottimistico e
#Note 3 (del 30/11/2014) Po chie cheret unu Beranu Non è vero che la politica non interessa a nessuno.Tutti esternano la propria frustrazione e solitudine. Continuamente. Diffidano del politico.
La Sardegna merita un nuo... “A maggio 2019, come ogni cinque anni, i cittadini europei sono chiamati ad eleggere i propri rappresentanti al Parlamento europeo. Le leggi che regolano la competizione elettorale
Minestrone di isole Siamo un’isola. Lo abbiamo scoperto da poco, dobbiamo ancora abituarci. “Ce l’ha detto l’Europa”: stavolta non è uno slogan portatore di sciagure, ma l’inizio di una svolta,
Européennes : rapprocher... “Rassemblement. Loin d’une consigne militaire, le mot d’ordre doit servir l’avenir de nombreuses régions européennes, autonomes ou non. C’est la conviction de Marco Deplano, expert en droit
Vendesi Università: aste... Parlano di noi: noi studenti, noi “giovani”. Noi “futuro del Paese”, ragazzi che devono poter andare avanti grazie al “merito”. Provo a fare con queste parole abusate
#Note 8 (del 29/8/2015) L’ho conosciuto qui. Ha gli occhi a mandorla, occhiali spessi, capelli folti a caschetto. Il viso tondo e sorridente. Sembra un cartone animato. Ha finito
L’Occasione fa l... È vero che ti accorgi che qualcosa ti manca quando non c’è più. Succede anche col buon senso. Se c’è uno strumento vivo, partecipato, che abita anche questo
Tutto in regola e tutto i... La più grande fortuna e sfortuna del Partito Democratico è la sua eterogeneità.“Chentu concas chentu berrittas” diremmo in lingua sarda, per sintetizzare come ancora una volta nel
#Note 7 (del 25/6/2015) Ognuno di noi ha un posto preferito. Un rifugio dove sentirsi libero e al sicuro. Se fosse un castello, la mia fortezza sarebbe senza mura.