#Note 10

(del 14/11/2015)

Ci sono andato la prima volta senza un perché.
Coperto di neve, originariamente ai margini della città, è oggi parte del suo centro urbano. Senza mura, senza schiamazzi.
Solo il rumore delle foglie che, scosse dal vento, spariscono sotto la coltre bianca.
Pullula di personaggi illustri, patrimonio dell’umanità. Biologicamente sono tutti defunti, ma le loro esistenze, i loro sacrifici, le loro pene ed i loro successi li hanno resi immortali. Ed ogni giorno siamo noi a mantenerli vivi e fulgidi con le nostre parole ed azioni. Come se grazie alla loro presenza avessimo maggiore coraggio e autorevolezza anche noi, così piccoli.
Eppure, in un luogo senza tempo come Père Lachaise, il monumento alla memoria più bello è seminascosto. Ed è quello di due sconosciuti.
Lui, disteso come se stesse per addormentarsi in serenità, tende le braccia verso il cielo e con dolcezza accarezza il volto di lei.
Lei, maledettamente viva, piange lacrime calde che bagnano mani e gomiti dell’amato. Per un’ultima volta, che diventa eternità.
Nessuno sa chi siano costoro, ma non importa.
Sono il simbolo del legame tra noi tutti, tutti di passaggio.
Il loro messaggio, per chi lo vuole recepire ed accogliere, ci fa acquisire confidenza con la morte, e rispettare prima ancora il dolore dei vivi.
Sono il regalo che Parigi mi ha dato quando ne avevo bisogno.
Sono la forza che combatte la paura. L’amore luminoso che distrugge l’ignoto, qualunque forma esso abbia.

 

Similar posts

#Note 1 (del 9/7/2014) Problemi di cuore. Vedo il mare tutti i giorni. Capita persino che a volte lo guardi con distrazione. In altre coste, di questo stesso mare,
#Note 5 (del 21/4/2015) In una zona di frontiera del nord Europa, sebbene il calendario dica che l’inverno sia finito, fa un freddo maledetto. Come sempre sono a piedi,
Una vita, una dracma E’ molto difficile usare parole crude per parlare di una persona cara. Per lei, preferiremmo indossare un guanto, o sfiorarne i lineamenti con un fiore, rimanendo nell’intimo
Minestrone di isole Siamo un’isola. Lo abbiamo scoperto da poco, dobbiamo ancora abituarci. “Ce l’ha detto l’Europa”: stavolta non è uno slogan portatore di sciagure, ma l’inizio di una svolta,
#Note 10 (del 14/11/2015) Ci sono andato la prima volta senza un perché. Coperto di neve, originariamente ai margini della città, è oggi parte del suo centro urbano. Senza
Sogno o son destro? Ci sarebbero tanti modi più corretti per dirlo l’uno all’altro e con franchezza: non ci sopportiamo. Ci basta lasciare l’Isola per sentire un amore viscerale per i
La Sardegna merita un nuo... “A maggio 2019, come ogni cinque anni, i cittadini europei sono chiamati ad eleggere i propri rappresentanti al Parlamento europeo. Le leggi che regolano la competizione elettorale
#Note 8 (del 29/8/2015) L’ho conosciuto qui. Ha gli occhi a mandorla, occhiali spessi, capelli folti a caschetto. Il viso tondo e sorridente. Sembra un cartone animato. Ha finito
La Sardegna e il principi... Il futuro della Sardegna non è l’Italia. Ma il presente ci ricorda che la Repubblica (italiana) è una e indivisibile (articolo 5 della Costituzione). Il richiamo è
Vendesi Università: aste... Parlano di noi: noi studenti, noi “giovani”. Noi “futuro del Paese”, ragazzi che devono poter andare avanti grazie al “merito”. Provo a fare con queste parole abusate